Metafore

Potrei scegliere di guardarmi dal di fuori, immaginandomi come un gabbiano che dispiega le ali per librarsi in volo, volo da sola, nessuno mi accompagna o mi segue, mi osservo dalla terra al cielo, oppure mi immagino su una barca, non alla deriva, ma che si trascina stancamente senza meta, è tutto così pesante e difficile ultimamente, immagino di non dover parlare una lingua umana, ma un verso che in qualche modo faccia percepire la mia presenza muta, sono tanto stanca, mi sembra di aver camminato e vissuto per mille anni, mille anni sono tanti e non ho più la forza per proseguire, ma nemmeno ho voglia di arrendermi e allora lascio che le cose, le situazioni seguano il loro corso, non ho voglia di discutere, cerco di recuperare energie. Un tempo credevo di aver paura di tutto e invece sono una persona forte o almeno in molti mi definiscono così, io non lo so, alcune volte mi sento decisamente piena di energie e di forza, altre volte invece mi sembra di essere estranea a tutto e a tutti, perfino a me stessa.

Non so che cosa succederà e non ho voglia di fare bilanci, ho camminato a lungo, ho parlato tanto, troppo, ora lascio che siano gli altri a parlare, per se stessi, non per me, non ho voglia di giustificarmi, proseguo il mio cammino, in cerca di una fiduciosa speranza che mi ridia la forza di continuare a credere di essere un cappuccino che gli altri possono bere con gusto, non so come mi sia venuta in mente questa immagine, ma posso essere molte cose ed essere continuamente Valeria, con i miei dubbi, le mie incertezze, le paure che ogni giorno mi accompagnano.

Una cosa però mi dà continuamente coraggio, la capacità di credere che qualcosa di magnifico sia ancora possibile.

Valeria D’Andrea

Pubblicato da valy71

Sono appassionata di scrittura da sempre, cerco il mio posto nel mondo ed è proprio per questo motivo che ho deciso di approdare qui. La parola chiave del mio Blog è decisamente l'Amore, l'amore per la vita, in tutte le sue forme e nelle inevitabili diramazioni che la vita ci impone. La vita ci insegna anche quello che non vorremmo mai imparare, lo ripeteva spesso una persona che ho amato tanto, con tutto il cuore, una donna meravigliosa che ora ci osserva e ci protegge da lassù e sono certa che mi voglia bene, come io ne voglio a lei, la amerò per sempre, anche se il destino, che davvero ha molta più fantasia di noi, ha deciso di separare, per così dire, le nostre strade, ma per volersi bene, non basta che amarsi, anche se non ci si vede e non ci si sente più. Il mio dolce saluto arriva fino a lassù e la raggiunge. Le auguro di riposare in pace e di trovare quella felicità che nella vita ha saputo assaporare, nonostante le mille difficoltà che ha incontrato e superato brillantemente. Non fu subito amore a prima vista tra noi, ma abbiamo imparato a volerci bene e a rispettarci. Dove c'è rispetto, c'è amore! Valeria D'Andrea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: