Gli altri

Gli altri dove sono?

A me sembra che siano spariti tutti, se non sono io a cercarli, non si trova nemmeno la loro ombra.

Spariscono, ad uno ad uno ed io li lascio liberi di scegliere, se stare accanto a me o se preferiscono andare via, che vadano pure via per sempre.

Tanto non possiamo trattenere nessuno.

In questi giorni, mi capita una cosa molto strana, davvero bizzarra, in bilico tra sogno e realtà, anche se sono convinta che sia tutto vero.

Mi sembra di ripensare a tutta la mia vita, rivedo proprio le scene di quando l’abbiamo vissuta, non uso il plurale maiestatis, mi riferisco alla mia famiglia di origine. Vedo episodi, li visualizzo, rivedo scene del nostro vivere quotidiano.

E’ bello, ma, al tempo stesso, mi fa provare anche tanta tristezza, per non parlare della malinconia che ne segue.

Abbiamo avuto la fortuna e il dono di vivere momenti bellissimi.

Non avremo potuto avere di meglio, grazie Signore che ce li hai donati questi momenti. Non smetterò mai di ringraziarTi per questo, Signore, e per molto altro ancora. Anche perché, proprio come papà, sono una miracolata. Sono addirittura un miracolo vivente. Ho saputo ridere dei miei guai, non perché sia scema, non lo sono affatto, al massimo posso essere un po’ cretina e deficiente per la massa di imbecilli che ho amato e che mi sono ostinata a frequentare, ma si sa, l’amore è cieco, e quando ami, anche se ti rendi conto che non sei ricambiata e che hai sbagliato persona, non per questo, immediatamente smetti di amare, come se l’amore fosse un interruttore, che spingiamo ed azioniamo a nostro piacimento, magari o forse no. E’ bello, invece, che sia tutto strutturato così, altrimenti che senso avrebbe lottare fino all’ultimo sangue, per il raggiungimento del nostro obiettivo o dei nostri obiettivi, che siano sempre tanti.

Si va di step in step, come dice la mia saggia amica Elena, un oceano di buonumore e vitalità, non significa che non abbia problemi o che la sua vita sia perfetta, ma, come me, sa ridere dei suoi guai ed è una persona autentica, affettuosa da morire, la riempirei di baci una giornata intera e continuerei a farlo senza stancarmi.

E’ così dolce e tenera, che Dio la benedica ed è anche molto figa, si può dire? Ma sì dai, tanto ormai l’ho detto.

Pubblicato da valy71

Sono appassionata di scrittura da sempre, cerco il mio posto nel mondo ed è proprio per questo motivo che ho deciso di approdare qui. La parola chiave del mio Blog è decisamente l'Amore, l'amore per la vita, in tutte le sue forme e nelle inevitabili diramazioni che la vita ci impone. La vita ci insegna anche quello che non vorremmo mai imparare, lo ripeteva spesso una persona che ho amato tanto, con tutto il cuore, una donna meravigliosa che ora ci osserva e ci protegge da lassù e sono certa che mi voglia bene, come io ne voglio a lei, la amerò per sempre, anche se il destino, che davvero ha molta più fantasia di noi, ha deciso di separare, per così dire, le nostre strade, ma per volersi bene, non basta che amarsi, anche se non ci si vede e non ci si sente più. Il mio dolce saluto arriva fino a lassù e la raggiunge. Le auguro di riposare in pace e di trovare quella felicità che nella vita ha saputo assaporare, nonostante le mille difficoltà che ha incontrato e superato brillantemente. Non fu subito amore a prima vista tra noi, ma abbiamo imparato a volerci bene e a rispettarci. Dove c'è rispetto, c'è amore! Valeria D'Andrea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: