Inutile fardello

Credo che non esista nulla di più pesante ed inutile dei sensi di colpa. Io purtroppo riesco a sentirmi in colpa sempre, anche quando non dovrei, addirittura quando sono io la parte lesa. Non perché, badate bene, sia una persona autolesionista, tutt’altro; ma sono così sensibile ed empatica che il dolore e i dispiaceri altrui me li sento sulla pelle. Ci ho lavorato su parecchio e nel tempo ho imparato a lavorare da sola su me stessa, non solo per smussare angoli spigolosi, ma per vivere meglio. Quello che proprio non riuscivo a perdonarmi, il motivo per il quale non potevo assolvermi era il fatto di non essere perfetta. Il perfezionismo, credetemi, è davvero una brutta bestia. Io però pretendevo questo solo da me stessa, non volevo che fossero perfetti gli altri, anzi loro andavano benissimo come erano e non avrei mai puntato su di me, ma su di loro sì. Sembravano tutti così sicuri, vivevano bene nella loro pelle, io invece mi sentivo sempre fuori posto, insicura, inadeguata. Sensazioni sgradevoli che con il tempo sono diventate un automatismo, il punto è che ho fatto tutto da sola. Nessuno mi ha chiesto di essere un automa, di non dire quando stavo male, per non dare preoccupazioni. E’ stato un lungo cammino, ma oggi dopo molto tempo, finalmente sono scesa a patti con me stessa. Mi sento felice, il retaggio rimane, ma ho imparato a ricondurre tante cose. La vita è già difficile per se stessa, ci manca che mi metta io a complicarla. In fondo, tutto dipende dalla prospettiva dalla quale osserviamo le cose e la realtà. Una volta una persona mi disse che la realtà non esiste, io invece sono fortemente convinta del contrario. Certo ce la creiamo con le nostre scelte ogni giorno. Quelle scelte che credevo di non saper fare. E’ proprio vero: “Stultum est dicere putabam”.

Pubblicato da valy71

Sono appassionata di scrittura da sempre, cerco il mio posto nel mondo ed è proprio per questo motivo che ho deciso di approdare qui. La parola chiave del mio Blog è decisamente l'Amore, l'amore per la vita, in tutte le sue forme e nelle inevitabili diramazioni che la vita ci impone. La vita ci insegna anche quello che non vorremmo mai imparare, lo ripeteva spesso una persona che ho amato tanto, con tutto il cuore, una donna meravigliosa che ora ci osserva e ci protegge da lassù e sono certa che mi voglia bene, come io ne voglio a lei, la amerò per sempre, anche se il destino, che davvero ha molta più fantasia di noi, ha deciso di separare, per così dire, le nostre strade, ma per volersi bene, non basta che amarsi, anche se non ci si vede e non ci si sente più. Il mio dolce saluto arriva fino a lassù e la raggiunge. Le auguro di riposare in pace e di trovare quella felicità che nella vita ha saputo assaporare, nonostante le mille difficoltà che ha incontrato e superato brillantemente. Non fu subito amore a prima vista tra noi, ma abbiamo imparato a volerci bene e a rispettarci. Dove c'è rispetto, c'è amore! Valeria D'Andrea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: